Intervista alla Dr.ssa Maria Letizia D’Errigo, medico chirurgo, specialista in Dermatologia e Venereologia, Idrologia Medica, Responsabile Nazionale ISPLAD Terme e Beauty Farm (marialetiziaderrigo.it). A cura di Luisa Taliento.

 

Dr.ssa Maria Letizia D'Errigo 2-670

 

Cosa succede nel nostro corpo quando si entra in un hammam, il bagno di vapore dove la temperatura raggiunge circa 45 °C con un’umidità relativa attorno al 100%?

Temperatura e umidità, all’interno dell’hammam, favoriscono la sudorazione e con essa l’espulsione dell’acido urico e delle tossine, migliorando la funzione di filtraggio dei reni, favorendo l’idratazione delle prime vie respiratorie e rendendo la pelle più elastica e luminosa. La grande umidità e la forte sudorazione favoriscono il turnover cellulare: le cellule dello strato corneo dell’epidermide infatti, imbibite di sudore, si staccano più facilmente e rendono la pelle morbida e levigata.

A quali tipi di pelle è consigliato?

L’hammam, sebbene sia indicato per tutti i tipi di pelle, lo è ancora di più per le pelli secche e quelle che tendono alla desquamazione.

La vasodilatazione e il miglioramento della circolazione sanguigna dovuta al calore possono giovare alla riduzione della cellulite?

Il calore provoca la vasodilatazione periferica, diventando una vera e propria ginnastica per venule e capillari. Viene favorita la circolazione e, attraverso i pori dilatati della pelle, anche l’eliminazione delle tossine. Questo è un vero toccasana per chi soffre di cellulite, e ha come risultato anche una maggiore levigatezza della pelle e il fatto che l’organismo attinge alla riserva di grasso per recuperare l’energia consumata.

Si possono applicare prima e dopo olio, lozioni o altro per migliorare gli effetti e i benefici del bagno di vapore?

Durante l’hammam non è sempre necessario applicare sulla pelle sostanze oleose, anche se l’applicazione di un sapone a base di olio d’oliva  ed eucalipto dopo una decina di minuti (tempo necessario affinché il vapore possa favorire la dilatazione dei pori) può agevolare la pulizia della pelle con l’aiuto di un guanto esfoliante. Una novità è l’utilizzo di uno scrub a base di polvere di marmo bianco di Carrara (il carbonato di calcio, di cui per il 99% è costituita la polvere di marmo bianco di Carrara, non è solubile in acqua). Applicato con un leggero massaggio, può migliorare l’esfoliazione cutanea. Si tratta dello stesso marmo che fin dall’antichità era utilizzato come rivestimento degli hammam più lussuosi. L’applicazione di emulsioni e olii profumati dopo il trattamento con il vapore può migliorare i benefici di un massaggio e mantenere la pelle più idratata.

Oltre alla pelle quali sono gli altri benefici dell’hammam sul corpo e sulla mente?

Il beneficio è anche quello di sciogliere le tensioni muscolari, rilassare la mente, sviluppare endorfine, favorendo così il benessere psicofisico.